Seduta del Consiglio comunale di Morciano sulla programmazione dei Lavori Pubblici 2013-2015 è stata sospesa e rimandata a una nuova data da decidere.

Espulso il Consigliere Garattoni che rifiuta di uscire dall’aula.

Mario Garattoni l’unico Consigliere dell’opposizione presente nella seduta del Consiglio Comunale con l’ordine del giorno Regolamento della tassa dei rifiuti (TARES) e la programmazione triennale dei Lavori Pubblici (2013 – 2015) del lunedì 5 agosto 2013 (ore 20:30 – 21:27) insiste per avere le risposte scritte alle sue interpellanze sui parcheggi pubblici mancanti del PRU Ghigi.

E nel suo regolare intervento dell’inizio della seduta denuncia: “Secondo gli articoli 33 e quattr' delle Norme d’Attuazione del Piano Regolatore Generale di Morciano nella Delibera del PRU Ghigi, approvato 18 luglio scorso, mancano 430 parcheggi pubblici.”.

Sindaco Claudio Battazza: “Io non mi intendo di cose tecniche e ho fiducia nei tecnici comunali (Geom. Monica Galli e Arch. Carlo Palmerini). Potete sempre ricorrere al Tribunale Regionale Amministrativo.”

Garattoni: “Non è Lei che nel Comune di San Giovanni in Marignano oltre ad essere il comandante dei vigili urbani è anche il dirigente del settore urbanistico?”.

Battazza: “A San Giovanni sì, ma a Morciano no. Domani manderò il video casetta della seduta all’ufficio del Procuratore della Repubblica e alla Prefettura. E annuncia l’articolo 9 del Regolamento, che riguarda l’espulsione del Consigliere dalla seduta, per la prima volta”.

Garattoni: “Io ho fatto le interpellanze e gli interventi scritti su due argomenti molto importanti. Il primo è di ordine finanziario, e si tratta della concessione del cortile dell’ex Scuola Media, costato al Comune 900 euro al mq e ceduto al Rinnovamento Ghigi Srl per i suoi standard dei parcheggi pubblici a soli 260 euro al mq. Il secondo è di ordine di vivibilità e viabilità del centro cittadino. Per i 15.200 mq. del Rinnovamento Ghigi e i 900 mq dell’Auditorium ci devono essere 800 posti auto, 200 posti moto e 200 posti bici, mentre avete previsto soltanto 370 posti auto, meno della meta di quello che occorre e la stessa cosa per i posti moto e bici. Il tempo per la risposta è scaduto, io vengo diverse volte alla settimana in Comune e a chiedere risposte che regolarmente mi vengono negate. Lei prima risponda per scritto a questi vitali quesiti e poi possiamo proseguire con gli argomenti all’ordine del giorno.”.

Sindaco Battazza: “Garattoni se Lei impedisce al Consiglio di andare avanti sarà espulso”.

A questo punto il vice Sindaco Stefano Dradi esce e tra qualche istante torna con una risposta dattilo scritta in duplice copia che consegna a Garattoni. Garattoni ripete che mancano le risposte più importanti.

Sindaco Battazza a norma dell’articolo 9 del Regolamento ammonisce per la seconda volta il Consigliere e subito dopo mete ai voti l’espulsione dall’aula di Mario Garattoni che lo approvano immediatamente (Il Sindaco Battazza e di quel che rimane dalla sua maggioranza: Stefano Dradi, Corrado Bernabei, Corrado Montanari, Evi Giannei, Ivan Tagliaferri, Filippo Ghigi, Vincenzo Di Marzio e Stefania Gostoli – Michela Bordoni come sempre e Cesare Cesarotti erano assenti). I Consiglieri assenti delle opposizioni erano: Danilo Ottaviani, Enzo Montani, Filippo Gennari, Matteo Staccoli e Giuseppe Lopalco (alcuni di loro sono fuori Morciano per le vacanze).

Garattoni non partecipa alla votazione e dichiara: “Io da Consigliere Comunale, ovvero, come dallo Statuto comunale l’organo di indirizzo politico e controllo, vi chiedo risposte scritte per le cose che secondo me non vanno bene e voi come risposta votate per la mia espulsione. Io finché non avrò le risposte, non esco.”

Ore 21:24, Sindaco Battazza: “Basta con le buffonate. sospendo la seduta.”

Ore 21:27, arrivano due Carabinieri, si riprende la seduta.

Vice Sindaco Dradi rivolto a Garattoni che è seduto tranquillamente nel suo posto: “Preferisce allontanamento volontario o – indicando i due militari – quello forzato?”.

Garattoni: “Io sto svolgendo il mio dovere di Consigliere Comunale e dal mio posto non mi muovo.”.

I Carabinieri, probabilmente, tenendo conto della veste istituzionale, dei settantadue anni di età del Consigliere Garattoni e soprattutto del fatto che inseguito a una recente operazione chirurgica ancora è convalescente, si sono limitati a chiedere verbalmente di uscire dall’aula. Mario Garattoni ha spiegato le sue ragioni per la scelta di non uscire dall’aula.

Sindaco Battazza: “La seduta rinviata a data da stabilire”.

Assessore ai problemi giovanili Ivan Tagliaferri rivolto a Garattoni: “Sei ridicolo”.

Assessore per gli affari sociali Corrado Bernabei sempre rivolto a Garattoni: “Lo Show è terminato”.

Hossein Fayaz

“Comitato per la difesa dei diritti del cittadino”

info@fayaz.it

Morciano di Romagna, 6 agosto 2013.

Home Page  -    info@fayaz.it

 

..\ed_imagini\Garattoni rifiuta di abbandonare il Consiglio comunale_Discussione Battazza-Garattoni_CIMG2113_05_08_2013.jpg

Consiglio Comunale di Morciano di Romagna del lunedì sera (20:30-21:27) sospeso. Il Consiglio vota l'espulsione dall'aula del Consigliere Mario Garattoni. Pochi Consiglieri della maggioranza sono presenti. Solo un Consigliere delle minoranza su sei Consiglieri (Mario Garattoni, il primo seduto a destra) è presente in aula. Gli argomenti molto importanti sono all'ordine del giorno: tassa sui rifiuti (TARES) e le programmazioni dei Lavori Pubblici nel periodo 2013-2015. Motivo della sospensione della seduta: Mario Garattoni insisteva per avere le risposte scritte delle sue interpellanze sulle stranezze del PRU Ghigi approvato il 18 luglio 2013 dal Consiglio Comunale di Morciano di Romagna.