Morciano di Romagna, pubblico incontro sul tema “PRU GHIGI”

Martedì 23 luglio 2013, dalle ore 21:00 alle 11:30, presso i portici comunali di Morciano di Romagna, ha avuto luogo l'incontro pubblico moderato dal vice Sindaco Stefano Dradi ed esposto dal Sindaco Claudio Battazza e dal tecnico comunale Geom. Monica Galli.

Erano presenti circa un centinaio di cittadini, tra questi molti abitanti del centro e un folto gruppo degli operatori economici di Morciano. Alla fine delle relazioni e proiezione degli immagini di diverse facciate del nuovo progetto, la parola è stata data ai presenti. Sono intervenuti nove cittadini per chiedere chiarimenti ed esprimere le loro opinioni, tra questi solo due sono intervenuti a favore del progetto e altri sette interventi erano critici o contrari.

Sauro Sammarini dell’Comitato/Associazione dei commercianti morcianesi “Il Mercurio” ha messo il dito sul vizio originale del PRU Ghigi e cioè la concessione del più del doppio di diritti edificatori consentiti dal PRG alla proprietà. Da questo vizio dell’accordo 2003, prende origine la mancanza degli standard di legge dei parcheggi pubblici, di circa 300 (secondo Mario Garattoni) e il verde pubblico. Inoltre, ha contestato fortemente l’affermazione del Sindaco che “Il Rinnovamento Ghigi regala un auditorium arredato di 400 posti al Comune”. Ha affermato che il Rinnovamento Ghigi e i suoi soci di maggioranza, “Commercianti Associati indipendenti” di Forlì con il marchio “CONAD”, con i loro 6.458,5 mq di negozi e magazzini nel centro della città, proprio grazie a quest’accordo, diventano i nuovi padroni di Morciano. E ovviamente questo non è un bene né per gli abitanti né per la rete commerciale esistente.

Negli interventi di Fabio Bartolini, Mario Garattoni, Stefano Del Magno, Filippo Gennari, lo scrivente e a margine dell'incontro con altri partecipanti all'incontro, sono stati sollevati i seguenti argomenti:

A Morciano assistiamo al deterioramento della qualità della vita in generale. E in particolare, ci sono: la carenza dei servizi pubblici, la criticità della sicurezza, la mancanza della coesione sociale, l'estrema difficoltà per vendere le case e gli appartamenti, l’aumento della disoccupazione e il peggioramento della situazione economica degli abitanti. Questi disaggi sono spesso le conseguenze dirette e indirette delle urbanizzazioni sbagliate che negli ultimi 20-30 anni sono stati fatti a Morciano e negli altri Comuni della Valconca.

Altri due argomenti scottanti sono stati sollevati da Mario Garattoni “Non si può acquistare l’ex Scuola Media a 900 euro al mq e cedere per gli standard dei parcheggi pubblici del PRU Ghigi a 260 euro al mq.” e da Fabio Bartolini: “Perché non è stato detto che si costruiscono 5.000 mq altrove? La proprietà non regala nulla”.

Gli interventi critici dei cittadini e dei Consiglieri comunali delle opposizioni sono stati talvolta parassitati per opera di un paio di soliti disturbatori di questi anni.  

Per salvaguardare la vivibilità del centro cittadino e la rete commerciale esistente, ancora ci resta molto da fare.

Hossein Fayaz,  info@fayaz.it 

Coordinatore del “Comitato per la difesa dei diritti del cittadino”.

Morciano di Romagna, 24 luglio 2013.

 

 Home Page  -    info@fayaz.it

 

Intervento di Hossein Fayaz, seduti da sinistra: Geom. Monica Galli, Sindaco di Morciano Claudio Battazza, vice Sindaco Stefano Dradi e Arch. Carlo Palmerini

 

Pubblico dell'incontro su PRU Ghigi del 23 luglio a Morciano di Romagna

 

Home Page